Cerca nel Sito

COMUNICATO STAMPA DI AUGUSTO PASCUCCI – PRESIDENTE UNIAT NAZIONALE

Pericolosa e pazzesca la proposta del governo di fare sconti sulle tasse comunali per chi sistema gli spazi pubblici.

image_pdfimage_print


Pericolosa e pazzesca la proposta del governo di fare sconti
sulle tasse comunali per chi sistema gli spazi pubblici.

 

Immaginiamo cosa potrebbe accadere nei
quartieri più difficili delle nostre città e come potrebbero essere
ri-qualificati ,da cittadini volenterosi i luoghi pubblici da sempre testimoni
di scenari quotidiani fatti di violenze varie alle cose e alle persone dove
anche utilizzando l’esercito si è fallito.

Immaginiamo per un attimo che dei
residenti delle piazze della movida,”armati” del diritto civico e stimolati
dall’idea di ottenere uno sconto sulla tasi, si confrontino con il popolo degli
spritz, dei consumatori di alcool e dei fornitori di merci più o meno legali e
proviamo a pronosticare come potrebbe andare a finire.

In parole semplici Uniat ritiene che,
l’ottica in cui deve porsi il cittadino-utente in tema di diritto al decoro
pubblico e sicurezza sia quello di privilegiare il momento del bisogno e della
garanzia nel ricevere servizi efficienti, richiamando lo Stato a farsi carico
delle soluzioni ed evitando di scaricare il problema sui cittadini che gi
pagano le tasse più alte d’Europa.

Allo Stato, cioe` alla societa` nel suo
insieme, il compito di soddisfare questa fondamentale e universale esigenza
sociale e al cittadino-utente il dovere di richiamarlo laddove è inefficiente o
assente, evitando di alimentare contrasti tra cittadini collaborativi e
cittadini di opposte fazioni di opinione, affrancandoli dal rischio di
disgregazione evitando di coinvolgerli nella meccanica scontistica del mercato
e delle tasse.

Guarda anche

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>