Cerca nel Sito

Approvato l’art. 1 della riforma del Terzo Settore

image_pdfimage_print

La Commissione Affari sociali da il via libera al primo articolo della Riforma. Il sottosegretario Luigi Bobba si dice molto soddisfatto, «c’è stato un unico cambiamento migliorativo al comma 1, in cui abbiamo delineato più compiutamente il perimetro del Terzo Settore. La legge andrà in aula a marzo, come promesso da Matteo Renzi. Entro un mese avremo tutti gli articoli approvati»

La Riforma del Terzo Settore ha il suo primo articolo. La Commissione Lavoro presieduta dal sottosegretario alle Politiche Sociali, Luigi Bobba, ha infatti adottato il testo definitivo dell’art.1. Abbiamo chiesto proprio a Bobba di illustrarci il contenuto.
Luigi Bobba, sottosegretario alle Politiche Sociali
Com’è cambiato questo art.1?
L’unica cosa che è stata cambiata, e che è migliorativa, riguarda il tentativo di delineare un perimetro più chiaro del Terzo Settore al comma 1. Adesso è specificato che per Terzo Settore si intende «il complesso degli enti privati costituiti con finalità civiche e solidaristiche che, senza scopo di lucro, promuovono e realizzano attività d’interesse generale, anche mediante la produzione e lo scambio di beni e servizi di utilità sociale realizzati anche attraverso forme di mutualità, in attuazione del principio di sussidiarietà». Mi sembra che, nonostante sia una frase molto densa, contenga comunque tutto il necessario per evitare incomprensioni. Le altre modifiche invece sono più superficiali e poco rilevanti.
A questo punto che tempi ci vorranno per adottare tutti gli altri articoli e portare la Legge Delega in Aula?
Oggi abbiamo una riunione della Commissione dedicata all’art 5. Poi ci sarà una pausa e riprenderemo dopo l’8 febbraio, affrontando tutti gli altri articoli. Dovremmo finire i lavori entro un mese e andare a marzo in Aula, com’era nelle indicazioni di Renzi.
Il clima in Commissione è quindi buono?
Sì, è riflessivo ma consapevole. Sappiamo che occorre arrivare alla conclusione dell’iter in tempi brevi perché si tratta di una riforma importante. Anche i 5stelle, con l’ultimo intervento della capogruppo Silvia Giordano di ieri mi sembra abbiano corretto il tiro rispetto all’indirizzo della discussione generale. Anche loro oggi sostengono la bontà di questo lavoro riconoscendone l’importanza. Poi sul merito giustamente fanno opposizione. Ma il fatto che abbiano deciso di contribuire in modo critico è una novità importante

di Lorenzo Maria Alvaro

 

vai all’articolo originale 

Guarda anche

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>