Cerca nel Sito

Famiglie, la povertà dipende da più fattori. “Dateci supporto sociale”

image_pdfimage_print

LMM_lgRicerca “Io non mi arrendo”, promossa da L’Albero della Vita e realizzata dalla Fondazione Emanuela Zancan. Per le famiglie intervistate la prima causa di disagio è legata a problemi di lavoro (9 famiglie su 10), poi segue la casa

 Parlare di povertà ascoltando i poveri: è questo l’approccio semplice ma per molti versi innovativo della ricerca “Io non mi arrendo. Bambini e famiglie in lotta contro la povertà: fragilità e potenziali”, promossa da L’Albero della Vita e realizzata dalla Fondazione Emanuela Zancan, presentata oggi a Roma. La voce è quella di 277 famiglie che vivono in condizioni di povertà intervistate in 7 città: Milano, Torino, Firenze, Roma, Bari, Napoli, Palermo. L’obiettivo è, partendo dall’ascolto, di capire in che modo chi è povero affronta i problemi, non solo con gli aiuti che riceve ma anche con le proprie capacità e risorse e, soprattutto, quanto sia disposto ad aiutarsi e aiutare altre persone che vivono la stessa condizione.

Per le famiglie intervistate la prima causa di disagio è legata a problemi di lavoro(9 famiglie su 10). Ma la povertà non dipende mai da un unico fattore: il 56% ha anche problemi di abitativi e il 54 per cento di salute. Ci sono poi problemi con la giustizia (una famiglia su 5) e difficoltà legate al livello di istruzione (una su 6). Alle famiglie è stato anche chiesto il tipo di aiuto ricevuto e quello ritenuto più utile: quasi tre quarti ricevono, o hanno ricevuto recentemente, contributi economici e oltre 6 su 10 beni materiali di prima necessità. Meno frequente è l’aiuto sotto forma di servizi. Se però si chiede alle famiglie l’utilità degli interventi ricevuti, emerge un quadro differente: gli interventi considerati mediamente più utili sono i servizi (di accoglienza, di orientamento, di sostegno e supporto sociale).

Quanto ai “potenziali generativi”, tre famiglie su quattro si riconoscono almeno una forma di potenziale impiegabile a beneficio della collettività. Per tutti gli intervistati il tema del “fare qualcosa per gli altri”, passa necessariamente attraverso il mettersi in gioco come persona, con il proprio bagaglio di competenze e capacità, attuando  azioni di solidarietà e di condivisione oltre la famiglia stessa. I genitori, infine, hanno trasmesso anche una consapevolezza importante: chi ha figli ha voglia di lottare e sviluppa inaspettate capacità. “Io non mi arrendo”  è il messaggio chiave trasmesso da queste famiglie, e rappresenta il punto di partenza per attuare delle azioni concrete di lotta alla povertà.

“Quando si studia un problema il primo passo è affrontarlo con chi lo vive, lo sperimenta, capisce cosa significa, si chiede come non subirlo e anzi come lottare per superarlo” sottolinea il direttore della Fondazione Emanuela Zancan, Tiziano Vecchiato. “Accettare che la povertà possa essere studiata e capita ‘con i poveri’ significa anzitutto accettarli e rispettarli, cioè non trattarli da poveri. Significa riconoscere le loro capacità, valorizzare la loro esperienza, dialogare con la loro competenza. Non è per niente facile visto che richiede il  riconoscimento di un valore proprio e originale che i genitori hanno profondamente e che condividono con i loro figli”.

“La nostra esperienza con le famiglie in condizione di povertà e fragilità mostra come solo grazie a spazi di incontro basati su rispetto e impegno reciproco si possa coltivare una relazione di fiducia in una prospettiva pro-attiva – dichiara Ivano Abbruzzi, Presidente di Fondazione L’Albero della Vita onlus –  Non è un caso che le testimonianze positive raccolte riguardino incontri con operatori sociali pronti ad ascoltare e valorizzare le persone, per costruire insieme a loro una risposta adeguata. Questa ricerca dà delle indicazioni fondamentali per riuscire a migliorare le azioni di lotta contro la povertà, ma bisogna partire dall’ascolto delle persone che la combattono ogni giorno”.

Link all’art.

Guarda anche

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>