Cerca nel Sito

Morosità presunte, interessi inaccettabili: la lettera di UNIAT Aps Lazio al Commissario di Ater Roma

image_pdfimage_print

Richieste di morosità presunte, richiesta di interessi inaccettabili
Ancora una volta prendiamo atto delle leggerezze di Ater Roma
Ecco la lettera che abbiamo dovuto scrivere al Commissario di Ater Roma

uniatapslazio_logo1

 Commissario Straordinario

 Ater  di Roma
Giovanni Tamburrino

p.c. Assessore Infrastrutture,

  Politiche Abitative, Enti Locali

  Fabio Refrigeri

Roma  15/03/2016

Prot.n.0009/PB/smc

Oggetto: incapacità gestionale Ater Roma

Egregio commissario,

data la impossibilità a raggiungerla le scrivo questa lettera, che invierò anche all’assessore regionale.

Nella riunione nella quale il direttore ci ha preannunciato l’invio alla vostra utenza delle lettere di diffida e costituzione in mora per il mancato pagamento dei canoni e degli oneri accessori, abbiamo espresso un parere favorevole per questa iniziativa, che dovrebbe contribuire a riordinare l’amministrazione di questo patrimonio,  amministrazione al momento fallimentare.

Purtroppo, nell’assistenza agli inquilini che ci chiedono consulenza, abbiamo dovuto verificare che ancora una volta Ater dà pessima prova di sè.

Non si possono richiedere morosità pregresse semplicemente dichiarando che “dalle risultanze dei dati informatici in nostro possesso, è emerso un debito a suo carico di………………”.

Perché questa richiesta abbia un valore  è necessario indicare il periodo mensile od annuale al quale si riferisce il canone richiesto.

Per quanto riguarda gli oneri accessori, il nostro associato deve conoscere il periodo di riferimento e il bilancio consuntivo eventualmente approvato ivi compreso il prospetto di ripartizione delle spese.

Inoltre abbiamo anche dovuto verificare, veramente a malincuore, che vengono applicati tassi che possono far sorridere gli  usurai. Come è possibile gravare di € 263, 82 un debito di € 486,78? O, ancor meglio, un debito di €89,29 gravarlo con 1.552,08 euro di interessi?!!!!!!!!!!!!!

Consideriamo inaudito che un ente pubblico possa ritenersi legittimato a richiedere tali tassi che potrebbero sorprendere chi pratica usura e ci dispiace che ancora una volta Ater Roma non sia riuscita ad assumere l’atteggiamento autorevole dovuto al proprio ruolo ed unico capace di produrre  rispetto nella propria utenza.

 Cordiali saluti.

Il Presidente Regionale

Patrizia Behmann

Guarda anche

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>